Home » Asia » Indocina » Singapore: quando andare?

Singapore: quando andare?

Singapore: quando andare, il clima
Singapore dà il meglio di sé di notte, quando tutti i grattacieli sono illuminati e le luci si riflettono sulla baia.


Quando si parla di Singapore non si è mai certi che si tratti di una grande città o di un piccolo Stato. In verità, li rappresenta entrambi e anche molto di più: da anni è uno dei luoghi più densamente abitati del pianeta, è diventata il quarto centro finanziario del mondo e una delle città più visitate dell’Asia. Si tratta di una città-stato ricca, che nei secoli ha sfrutto la sua posizione di passaggio obbligato per le navi attraverso l’omonimo stretto.

Questa ultima propaggine a sud della Malesia, a prima vista può sembrare una città un po’ anonima, troppo moderna e decisamente poco caratteristica: in realtà non è così, perché oltre ad essere una delle città più cosmopolite del mondo è un centro che conserva intatte le proprie tradizioni, i propri vicoli con negozi caratteristici e i propri ritmi di vita influenzati anche dai vicini malesi e cinesi che ormai convivono da anni con gli altri abitanti di Singapore.

Ma cosa c’è da vedere a Singapore? Di giorno potrete soffermarvi nei Giardini Botanici, luoghi di tranquillità e pace, mentre di notte verrete avvolti da una vita frenetica e quasi elettrizzante. Grattacieli illuminati, bar esclusivi, discoteche e locali notturni sono tutti a disposizione di chi si vuole divertire, senza pensieri per la testa. Richiamano l’attenzione anche i futuristici centri commerciali, i musei di arte moderna, ma anche sale da tè e negozi per veri fashionist. Molti turisti scelgono Singapore come meta intermedia prima di proseguire verso i mari caldi orientali della Polinesia o dell’Australia.

Ma, esattamente, qual’è il momento giusto per visitare la città-stato asiatica?

Il Clima di Singapore

Singapore, trovandosi in corrispondenza dell’equatore, è caratterizzato da un clima equatoriale, costantemente caldo ed umido, con giornate spesso interessate da temporali e rovesci. Proprio per questo motivo, è raro incontrare delle giornate di sole pieno, dove il cielo sia completamente sgombro dalle nubi.

Singapore: quando andare, il clima
Singapore dà il meglio di sé di notte, quando tutti i grattacieli sono illuminati e le luci si riflettono sulla baia.

Durante l’anno, Singapore è interessato dall’arrivo di due monsoni, uno che proviene da nord-est e uno che proviene dalla parte opposta, sud-ovest. Il monsone di nord-est si presenta tra i mesi di novembre e marzo: proprio per questo motivo, l’inverno è uno dei periodi più piovosi dell’anno. Di solito le piogge più abbondanti si riscontrano nel mese di gennaio, in particolar modo la sera o nel tardo pomeriggio. Il secondo monsone, quello che proviene da sud-ovest si abbatte sulle coste del Paese nei mesi estivi, tra giugno e settembre. In questo caso, il monsone porta maltempo, ma non in forma continua e noiosa, ma improvvisa e sporadica, esattamente come gli acquazzoni tropicali che arrivano, scaricano e se ne vanno. Se pensate che il periodo intermedio tra i due monsoni sia il migliore per visitare Singapore, vi sbagliate: da marzo a giugno, il caldo è opprimente e appiccicoso, quindi è ritenuto il periodo più spiacevole dell’anno.

Le temperature, seppur con minime oscillazioni, sono costanti tutto l’anno. Nei mesi invernali, le temperature oscillano tra i 23° e i 30°C, mentre in estate, la colonnina di mercurio sale fino a 32°C. Non sono tanto le temperature che danno fastidio, quanto l’umidità che spesso rende poco respirabile l’aria: questo fattore è anche aggravato dall’isola di calore creata dagli edifici della città che intrappolando il calore del sole, rendono l’aria ancora meno sopportabile.

Una nota per le temperature del mare, anche se Singapore non è considerata una meta balneare a tutti gli effetti: in estate si raggiungono i 30°, mentre in inverno si scende soltanto a 28°C. In linea di massima si può affermare che il periodo migliore per visitare Singapore è il mese di febbraio: le brezze del mare investono un po’ la costa e le zone del porto e si contano pochi giorni di pioggia rispetto agli altri mesi dell’anno. Vanno bene anche dicembre e gennaio, ma comunque molto piovosi. Per chi ha ferie soltanto in estate, potrà optare per luglio ed agosto, anche se il caldo è insopportabile per chi non vi è abituato.

Alta e bassa stagione

Trattandosi di una grande città che richiama non solo turisti, ma anche uomini d’affari durante tutto l’anno, i prezzi sono abbastanza stabili durante l’anno. Se ne riscontra un leggero abbassamento durante il periodo intenso delle piogge, quello che va da novembre a gennaio che è possibile considerare come il periodo di bassa stagione turistica. In realtà anche durante l’inverno sono molti i turisti di passaggio a Singapore, diretti verso le mete calde dell’emisfero australe, quindi non è possibile definire una vera e propria bassa stagione, così come una vera e propria alta stagione.

A prescindere da tutto ciò, i mesi dove si registrano prezzi più alti sono quelli di febbraio, luglio ed agosto.

Eventi a Singapore

In ogni momento dell’anno potrete assistere ad eventi culturali, musicali, gastronomici di rilievo. Uno degli appuntamenti più attesi è senz’altro il Food Festival, momento in cui grandi chef internazionali si incontrano per preparare piatti d’eccezione: tradizione e piatti raffinati, in un connubio tutto da scoprire. Ogni anno si ha la sensazione che Singapore sia alla ricerca di un’affermazione mondiale per quanto riguarda il mondo dell’arte culinaria.

Passiamo alla musica: sono davvero numerosi gli appuntamenti annuali con concerti e spettacoli di ogni genere musicale. Si ricorda il Neon Festival, pensato per gli amanti della musica indie ed elettronica, così come il St. Jerome Music Festival che si tiene a gennaio, mentre per chi è alla ricerca di eventi massivi ed impegnativi potrà optare per Ultra Singapore, con grande richiamo internazionale. Non mancano appuntamenti con la musica classica e con il jazz rispettivamente con il Singapore Symphony Orchestra e con Singapore International Jazz Festival.

Volete fare un salto nelle tradizioni? Eccovi accontentati. Tra gennaio e aprile, potrete assistere al capodanno cinese e al festival hindu, entrambi molto caratteristici e sentiti dalla popolazione locale, mentre da maggio a agosto, l’appuntamento è con la gara di barche a remi chiamata Dragonboat race. Tra settembre e dicembre, c’è l’appuntamento con la festa dell’autunno cinese e con quella hindu di Deepavali. Sul sito ufficiale del turismo di Singapore potete trovare maggiori approfondimenti al riguardo.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)