Home » Italia » Mete Turistiche Italiane » Isola d’Elba: quando andare?

Isola d’Elba: quando andare?

Isola d'Elba: quando andare?
Isola d'Elba: le bella baia di Portoferraio


L’Isola d’Elba è la terza maggiore isola italiana e maggiore dell’Arcipelago Toscano, situata poco distante dalla costa Toscana. E’ famosa principalmente per le sue numerose spiagge, oltre cento, che ne fanno una meta ideale per il turismo balneare, soprattutto estivo. La sua conformazione la rende però anche una valida opzione per gli amanti del trekking, della mountain bike e delle passeggiate: i panorami sono ovunque mozzafiato, caratterizzati da verde rigoglioso, mare, montagna e cielo.

I caratteristici paesi e borghi, non solo marinari, sono luoghi nei quali si respira una storia che affonda le sue radici fino al tempo degli antichi Romani, per arrivare fino a tempi più recenti quando fu luogo d’esilio per Napoleone, prima del suo breve ritorno e della definitiva sconfitta. Le vestigia del passaggio di Bonaparte si ritrovano nelle due ville che furono sede della sua prigionia, visitabili tutto l’anno.

L’isola d’Elba e’ facilmente raggiungibile dal porto di Piombino. Il servizio di traghetti e aliscafi è garantito tutto l’anno con numerose partenze al giorno, anche con veicoli al seguito. La traversata dura al massimo un’ora e trenta, a seconda del porto di destinazione. In genere si sbarca a Portoferraio (1 ora). Sull’isola c’è anche un piccolo aeroporto con collegamenti da Pisa e da Firenze.

Il Clima dell’Elba

Il clima dell’isola d’Elba è prevalentemente il tipico Mediterraneo marittimo, con temperature miti durante tutto l’arco dell’anno, almeno per quanto riguarda la fascia costiera. Le massime raramente superano i trenta gradi anche nel pieno dell’estate, mentre le minime invernali arrivano a otto gradi.
Nell’interno, caratterizzato da una alta dorsale rocciosa che culmina nei 1020 metri del Monte Capanne, gli inverni possono essere un po’ più rigidi, e non sono infrequenti nevicate che, talvolta interessano anche le località costiere, dando vita a degli autentici paesaggi da cartolina.
La piovosità è limitata: la media mensile di giorni di pioggia è di poco superiore a cinque, con il massimo di otto in dicembre ed il minimo di uno in luglio. La particolare posizione dell’isola porta a temporali intensi ed improvvisi, ma brevi.

Isola d'Elba: quando andare?
Isola d’Elba: le bella baia di Portoferraio

La ventilazione è sempre garantita, e contribuisce a mitigare il clima ed a spazzare il cielo dalle nubi. Durante il periodo estivo la situazione tipica è col vento di Scirocco che lascia lo spazio nel pomeriggio al Maestrale, che rende la seconda metà della giornata meno afosa. I venti di Ponente e di Libeccio sono più rari ma spesso più impetuosi, e possono far crescere molto il mare e far interrompere il servizio di traghetti anche per 24 o 48 ore!

La temperatura media del mare rimane sempre abbastanza elevata se si escludono in mesi di pieno inverno. Si va dai diciannove gradi di aprile, ai ventisette di agosto, per scendere fino ai ventitré di ottobre.
Non abbiamo citato a caso questo arco temporale: si può dire che dal punto di vista strettamente climatico la buona stagione all’isola d’Elba si estende appunto da aprile fino ad ottobre, con ovvie variazioni da anno ad anno. Già da aprile il clima inizia a migliorare sensibilmente con le temperature minime in crescita e le piogge in diminuzione. Maggio e giugno sono forse i mesi migliori, con le giornate che si allungano, il clima non troppo caldo e una limitata affluenza. Luglio e agosto hanno l’ottimo clima che abbiamo visto, ma la pecca di una grossa affluenza turistica.
Settembre e ottobre sono ottimi per chi ama veder finire l’estate in pace e tranquillità ma con il tempo ancora buono. Inoltre questo è il periodo migliore per gli amanti delle immersioni, che possono praticare il loro sport senza il traffico di barche tipico della piena estate, ma con la acqua che si mantiene ad una temperatura ancora piacevole.

Alta e Bassa Stagione

L’Isola d’Elba è una meta turistica caratterizzata da un fortissimo picco di turisti nel mese di agosto. In poche settimane convergono in questo piccolo paradiso migliaia di turisti accompagnati dai molti possessori di seconde case. I prezzi delle strutture ricettive vanno alle stelle e compaiono problemi quali ingorghi e difficoltà ad imbarcare l’auto sui traghetti se non si è prenotato per tempo, alti prezzi degli stessi, affollamento delle spiagge più famose, difficoltà a parcheggiare nelle vicinanze delle stesse e spesso a prezzi alti. Per questo, ci sentiamo di sconsigliarvi di andare all’Elba in agosto e anche nella seconda metà di luglio.

Le strutture ricettive iniziano ad aprire la stagione nel weekend di Pasqua. Nei mesi di aprile e maggio, i turisti veri e propri sono ancora pochi, e le presenze si concentrano prevalentemente nei fine settimana e nei ponti. A giugno inizia una prima affluenza, spesso costituita in particolare da nord europei e dai proprietari di case di villeggiatura. L’affluenza inizia a salire poi per tutto il mese di luglio. Il picco si ha dall’ultima settimana di luglio fino a Ferragosto ed il weekend successivo.

Da qui in poi l’isola inizia a svuotarsi, ed i prezzi cominciano a calare. Bisogna tener conto che l’isola d’Elba ha un’economia che negli anni si è sempre più concentrata sul turismo stagionale: molti elbani addirittura ci vivono e lavorano solamente in estate, per poi trasferirsi sulla terra ferma oppure all’estero negli altri mesi. Il dover massimizzare i profitti in questo arco limitato di tempo fa si che nei periodi di alta ed altissima stagione, il turismo sull’isola possa essere anche molto costoso.

Settembre è forse il mese migliore per godere di questo luogo incantevole: l’acqua del mare è calda e le giornata, sebbene più corte, sono limpide e invitanti. In genere c’è sempre una perturbazione in questo mese, ma roba di pochi giorni. E’ un ottimo periodo anche per chi vuole fare del trekking o del turismo in bici.

In inverno l’isola è praticamente off-limits al turismo, ma comunque molto viva grazie alla numerosa popolazione. Andarvi in vacanza fuori stagione significa scontrarsi con la chiusura della maggior parte di hotel e ristoranti, ma può essere un’ottima occasione per andare alla scoperta dei borghi più caratteristici e della schiettezza e simpatia degli Elbani.

Il Mare all’Elba

Per quanto riguarda le possibilità di balneazione, abbiamo visto come la temperatura dell’acqua consente ai più intrepidi di bagnarsi già da metà maggio o inizio giugno, e poi fino anche ad ottobre.
Pur essendo spesso battuta dai venti, l’Elba consente di trovare sempre una spiaggia riparata su uno dei suoi versanti. Le spiagge sono veramente numerose: una guida locale gratuita che potrete facilmente reperire ne enumera ben oltre cento. Ce ne sono di tutti i tipi, sia di sabbia che di scoglio. La maggior parte sono facilmente raggiungibili in auto, mentre per alcune si dovranno percorrere tratti più o meno lunghi a piedi e spesso in salita. Altre infine sono raggiungibili solamente via mare.

Spesso gli habitué dell’isola si spostano da una spiaggia all’altra nell’arco di una stessa giornata, per evitare il troppo caldo o il vento o ancora la folla. Va tenuto presente che, sempre per la conformazione dell’isola, località che in linea d’aria sono vicine possono richiedere lunghi trasferimenti in auto, su strade non sempre ben tenute, con pendenze notevoli e numerosi tornanti. Quindi volendo imitare gli esperti, scegliete due spiagge abbastanza vicine, ed anche una di riserva nel caso, non infrequente in alta stagione, che una di queste sia letteralmente piena.

Eventi Elbani

Per consentire di allungare ed arricchire la stagione turistica, l’Isola d’Elba è molto attiva nell’organizzazione di eventi di ogni tipo.
In alta stagione vi sono feste paesane e sagre, ma i veri eventi importanti si hanno in primavera e alla fine dell’estate.

Per gli amanti del genere, si segnalano i due Rally dell’Elba: in primavera la gara moderna, a settembre quella valevole per il Campionato Europeo Rally storici. In occasione di queste manifestazioni possono esserci chiusure temporanee di strade dell’isola e perfino di paesi.
Sempre riguardo ai motori, vera passione dell’isola, vi sono alcuni appuntamenti di enduro e molti autoraduni di auto e moto d’epoca. Vela e regate impazzano soprattutto a settembre e non manca un appuntamento “estremo” come Elbaman, importante e massacrante gara di triathlon.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)