Home » Italia » Mete Turistiche Italiane » Isole Tremiti: quando andare?

Isole Tremiti: quando andare?

Isole Tremiti: quando andare?
Isole Tremiti: per un mare da sogno si deve andare in estate, quando purtroppo c'è molta folla


Il piccolo arcipelago delle Isole Tremiti, sorge a nord del Gargano, nel Mare Adriatico; si tratta di isole ricche di storia e di cultura, oltre che splendide dal punto di vista naturalistico. San Domino, Cretaccio, San Nicola, Pianosa e Caprara, questi i nomi delle cosiddette “Cinque Isole”, che costituiscono una meta turistica prettamente estiva; vediamo in dettaglio i migliori periodi per recarvisi.

Meteo alle Isole Tremiti

Le Isole Tremiti si trovano pochi chilometri a nord del promontorio del Gargano; sono quindi circondate dall’Adriatico e si estendono su una superficie di 3 chilometri. Queste caratteristiche ne influenzano le condizioni meteorologiche e le rendono, oltre che suggestive per la bellezza delle coste e delle acque, anche molto piacevoli per la mitezza del clima. Le Isole Tremiti sono uno dei luoghi turistici più ambiti della regione Puglia, dove chiunque soggiorni in zona non rinuncia a fare una visita.

Clima mediterraneo, quindi, quello che caratterizza il piccolo arcipelago. Questo significa che gli inverni sono piuttosto miti e la stagione estiva è calda, ma non opprimente. Non ci sono lunghi periodi significativi di aridità e siccità durante l’estate.

Isole Tremiti: quando andare?
Isole Tremiti: per un mare da sogno si deve andare in estate, quando purtroppo c’è molta folla

I mesi più piovosi sono quelli autunnali, da ottobre a dicembre; saltuariamente si segnala qualche inverno con maggiori precipitazioni, ma in genere non si registrano piogge di grande rilevanza.
Le isole Tremiti sono spazzate dai venti di Levante e di Scirocco, o da Tramontana, Maestrale ed altri venti che spirano dal quarto quadrante.
I mesi più freddi, soprattutto quando soffia la Tramontana, sono i primi dell’anno e dell’inverno: gennaio, febbraio e marzo regalano poco spazio all’aria mite, anche se basta poco per tornare a temperature accettabili.

Per quanto riguarda il mare, durante il periodo estivo le acque sono calde, permettendo una balneazione piacevole, e lo stato del moto ondoso è calmo e tranquillo. Le mareggiate e le burrasche si concentrano quasi esclusivamente durante i mesi invernali, da novembre – dicembre fino alla primavera, esaurendosi, in genere, con il mese di marzo.
La classificazione climatica che tiene conto delle temperature medie ai fini dell’accensione per i riscaldamenti, vede le Isole Tremiti far parte della fascia C, su un totale di sei, che vanno dalla A (più calda), alla F (maggiormente fredda).

Alta e Bassa Stagione

Su queste isole si intendono come media stagione i primi quindici giorni di giugno e gli ultimi di settembre; alta stagione è quella che comprende luglio ed agosto, mentre la bassa stagione va da marzo fino alla prima metà di giugno e dalla seconda metà di settembre fino a tutto dicembre.
In alta stagione, quindi luglio ed agosto, i prezzi medi delle attività alberghiere partono da poco meno di 100 euro fino a ben più del doppio. Non è indifferente la differenza che si ha prenotando in periodi di media e bassa stagione, quando si può soggiornare con 60 – 70 euro, o anche meno, a notte, in camera matrimoniale. Anche i prezzi dei traghetti subiscono differenze se presi in piena estate, piuttosto che nei mesi meno affollati.

In realtà, la bassa stagione qui coincide praticamente ad una “chiusura” delle isole. Terminata la stagione balneare, infatti, la quasi totalità di hotel, bar e strutture chiude e non riaprirà fino all’inizio della stagione successiva, in genere per le festività di Pasqua. Di residenti in effetti ce ne sono pochi ed i lavoratori sono per lo più stagionali.

Mare, Spiaggia ed Escursioni

Per una vacanza classica di mare, che abbia come fulcro la possibilità di godere del mare quasi “caraibico” di queste isole, si sceglierà decisamente la stagione estiva, che va da fine maggio – giugno fino ad inizio settembre. Nel mese di luglio e specialmente di agosto sono però da mettere in conto le tante presenze di turisti che affollano le strade e, soprattutto, le spiagge, rendendo più caotico ogni luogo ed ogni attività (o più vivace, a seconda dei gusti).

Quando l’interesse maggiore è volto alle escursioni, o alle visite alle varie attrattive culturali e naturali che le isole offrono, saranno da preferire i mesi intermedi, quando sia il caldo più sopportabile, sia la minore affluenza di turisti, permetteranno di godere al meglio le belle passeggiate nella natura che l’arcipelago propone. Perfetta è ad esempio la fine del mese di settembre.
I più arditi, anche nei mesi di media stagione, fino ad ottobre, potranno avere la possibilità di immergersi nel mare pugliese, comunque mai troppo freddo!

Le isole Tremiti si prestano benissimo per essere scoperte, al di fuori dei luoghi più frequentati. Spiagge, calette, escursioni di trekking nella macchia mediterranea verso la parte più interna, sono tutte attività che si possono svolgere durante quasi tutto l’anno. Se si preferiranno i mesi estivi per le immersioni e le gite in gommone da un’isola all’altra o da una cala all’altra, e per esplorare i circa 20 chilometri di coste, la media e la bassa stagione sono perfette per tutte le altre attività.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)