Home » Africa » Zanzibar: quando andare?

Zanzibar: quando andare?

Zanzibar: quando andare?
Zanzibar: un resort di lusso (ma tipico) in riva al mare


Zanzibar è un arcipelago appartenente alla Repubblica Unita della Tanzania e formato da due isole chiamate Unguja e Pemba: la prima è quella che ha preso definitivamente la denominazione di Zanzibar. Sviluppatesi come luogo per il commercio degli schiavi, oggi vanta un intenso turismo dovuto alle spiagge di sabbia bianca e fine, affacciate sulle acque cristalline dell’Oceano Indiano, mentre all’interno dell’isola la vita scorre tranquilla e lenta come una volta con le sue tradizioni e la sua cultura.

Il Meteo a Zanzibar

Innanzitutto dobbiamo sempre tenere a mente che Zanzibar si trova nell’emisfero sud, quindi quando in Italia è inverno, a Zanzibar è estate e viceversa. A differenza di altre isole dell’Oceano Indiano, come ad esempio le Maldive, Zanzibar non è soggetta a stagioni nette come quella umida e quella secca, infatti non è raro che a Zanzibar piova che durante la stagione ritenuta “meno piovosa”. Comunque se siete interessati al mare, il periodo migliore per recarsi a Zanzibar va da dicembre a marzo e da giugno a settembre.

Zanzibar: quando andare?
Zanzibar: un resort di lusso (ma tipico) in riva al mare

Nel primo periodo, che corrisponde all’estate dell’emisfero sud, mentre in Italia è inverno, le temperature si aggirano intorno ai 32° rendendo l’aria quasi totalmente irrespirabile: di solito in questo periodo si rischia di trovare al massimo 5 giorni di pioggia in un mese e raramente la brezza marina stempera un po’ il caldo afoso. Nei periodi più umidi e caldi il termometro può raggiungere anche i 36°, mentre le temperature oscillano tra i 23° e i 32° C. Tra dicembre e marzo il mare tocca le sue temperature più alte con picchi fino a 29°C.

Nelle ultime settimane di marzo o le prime di aprile cominciano i periodi di pioggia: a Zanzibar quando decide di piovere, può piovere fino a 10 giorni consecutivi senza smettere mai, creando dei disagi soprattutto nella capitale Stone Town. In questi mesi le temperature scendono di poco, infatti il termometro si assesta sui 29°, la massima. Il freschetto è percepito soprattutto la sera e la notte, quando le temperature posso scendere fino ai 15°. Anche in questo periodo, la temperatura del mare non scade mai sotto i 28°.

Una volta terminate le piogge, intorno alle ultime settimane di maggio, arriva il periodo migliore per recarsi a Zanzibar: le temperature sono calde, ma non afose e talvolta sono stemperate da piogge veloci e passeggere, ma mai intense e durature come i mesi precedenti. Quindi nel periodo che va da giugno a settembre le temperature si assestano intorno ai 22° la minima e 29° la massima, ma le precipitazioni sono notevolmente ridotte e allontanate dagli alisei che provengono da sud est: l’inverno dell’emisfero sud, diventa il periodo migliore per godersi il magnifico mare di Zanzibar, visto anche che la temperatura del mare è assestata sui 27°, per precipitare soltanto ad agosto quando arriva a 25°.

A ottobre torna un piccolo e breve periodo delle piogge che termina subito a fine novembre. Le piogge non sono intense come nel periodo che va da marzo a maggio e le temperature si mantengono in linea generale tra i 19° e i 29° di massima. Ottobre è il periodo il cui il mare tocca le sue temperature più “basse”, insieme al mese di agosto.

Quindi possiamo dedurre che, a parte aprile e maggio, a Zanzibar non ci sono periodi totalmente sfavorevoli per organizzare una vacanza di mare: probabilmente l’unica differenza è che nei mesi tra novembre e febbraio sopporterete un caldo più intenso e tra giugno e settembre troverete delle temperature più ragionevoli. In ogni caso il mare sarà sempre caldo per fare dei lunghi bagni rilassanti.

Alta e Bassa Stagione

L’alta stagione è il periodo che va da dicembre a marzo e da luglio a settembre: in questi mesi i resort sono sempre pieni di turisti, mentre nei mesi intermedi molti dei grandi resort chiudono completamente perché legati ai voli charter dei tour operator che da aprile fino a luglio non sono operativi. Da dicembre a marzo sono moltissimi gli italiani che decidono di trascorrere una settimana lontani dal freddo del continente europeo: per questo i prezzi lievitano alle stelle e i voli charter sono sempre molto affollati. Leggermente meno richiesta c’è nei mesi estivi: volare fino a Zanzibar d’estate è meno frequente tra i turisti italiani, invogliati anche dallo splendido mare di casa nostra.

I mesi di bassa stagione sono quelli delle piogge, da aprile fino ad inizio giugno e ottobre e novembre: i prezzi scendono, molti resort chiudono e per soggiornare a Zanzibar dovrete accontentarvi delle guesthuose o dei villaggi e resort a gestione locale, che vi permetteranno, comunque, di incontrare e frequentare persone del posto. Probabilmente tra i mesi di alta stagione e quelli di bassa, il periodo migliore per volare a Zanzibar è giugno: i prezzi non sono ancora saliti, non c’è l’affollamento dell’alta stagione visto che i voli charter ripartono da luglio, i resort sono quasi tutti riaperti e funzionali e spesso sistemati e ristrutturati durante la pausa invernale. In questo periodo utilizzando un volo di linea è possibile organizzare una vacanza low cost: con circa 800,00 € a testa potreste soggiornare in una guesthouse o in un resort di buon livello con servizio all inclusive per una settimana!

Fare mare a Zanzibar

Ogni momento dell’anno è adatto per fare il bagno, visto che le temperature del mare non scendono mai sotto i 25°. L’unico fenomeno che prescinde completamente dal meteo delle stagioni, ma è soggetto all’andamento della luna, sono le maree. Non c’è un periodo dell’anno in cui esse sono meno pronunciate rispetto ad altri periodi: quindi se avete intenzione di visitare Zanzibar dovrete metterle in conto e viverle come un fenomeno che la caratterizza e che la rende affascinante. La costa nord ha una conformazione morfologica diversa rispetto a quella orientale e meridionale: per questo il fenomeno delle maree è meno visibile anche se sempre presente. La parte negativa delle maree è che spesso il mar,e con il suo moto costante, porta sulla spiaggia alghe e residui di oggetti che spesso sostano sulla riva per giorni e giorni, deturpando la bellezza del paesaggio.

Eventi a Zanzibar

Ogni anni sull’isola di Zanzibar si svolge lo Zanzibar Film Festival, il festival cinematografico più importante dell’Africa centrale dove vengono proiettati film indiani, africani e mediorientali. Il centro nevralgico della manifestazione è la capitale Stone Town dove vengono allestiti concerti, laboratori e mostre per tutta la durata del festival. Si svolge sempre nel mese di luglio.

Durante l’anno vengono organizzate altre manifestazioni minori come, ad esempio, la ricorrenza del Giorno della Rivoluzione, fissato il 12 gennaio: una regata di imbarcazioni ngalawa e di canoe in tipico stile swahili sfilano davanti al People’s Palace.

L’isola è di impronta musulmana e per questo ogni anno si festeggia la fine del Ramadan con feste e banchetti in giro per strada, mentre la minoranza cristiana sacrifica pecore e agnelli in nome di Adamo.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)